spoteciak

nello spot che stai guardando io ci vedo la scena di un film

Archivio per il tag “Sisal”

Lasciateci smettere di giocare

Un’era geologica fa, sulle note di un motivo nazional-popolare, Toto Cotugno ci dipingeva come italiani da pizza e mandolino e già allora preferivi essere nato in Nuova Zelanda. Oggi La Sisal che poi è la maschera che indossa lo Stato biscazziere quando fa il croupier, ci invita a sognare una vita migliore giocando una schedina del Superenalotto 

.

Se non giochi non vinci e non realizzi i tuoi desideri che siano possedere una vigna, assicurare un futuro ai figli, regalare milioni ai nipotini, mica caramelle, diventare il presidente della propria squadra di calcio, magari come l’Alberto Sordi del Borgorosso Football Club. “Gioca il giusto” recita una voce femminile al termine dello spot,giusto per ricordarti che stiamo sempre parlando di azzardo e che il Supernelatotto insieme al Poker online, al Lotto, Win for Life, Gratta e Vinci e compagnia bella, come il fumo e gli alcolici, possono creare dipendenza. Naturalmente lo Stato su tutte queste cose ci guadagna ma se con una mano prende con l’altra ipocritamente ti accarezza e ti raccomanda moderazione. Quante persone si rovinano al gioco? Quante sono cadute in depressione?

Vincere non dà soddisfazione se ti rendi conto in cosa ti sei trasformato. George Segal nel finale di “California poker” di Robert Altman alla fine vince ma vine colto da un attacco di spleen, di profonda tristezza che forse i 40.000$ non basteranno a scacciare.

E mentre il suo compare Elliot Gould, caricato a mille ormai è perso dietro alla dea bendata, molla tutto e se ne va, consapevole di aver perso più di quanto abbia finalmente vinto. Ne valeva la pena? “Gioca il giusto” forse dovremmo leggerlo in un altro modo: “Il giusto sceglie di non giocare”:

 

Navigazione articolo