spoteciak

nello spot che stai guardando io ci vedo la scena di un film

Archivio per il tag “Robert De Niro”

Al diavolo tutto.

Un suv attraversa le strade di Manhattan e noi, rapiti dalle note in sottofondo di un piano in sordina e da un lamento struggente di un sax, ascoltiamo lo sfogo di un uomo che immaginiamo forte e risoluto, uno che non accetta i compromessi della vita. Mentre manda a quel paese i luoghi comuni di una vita radical chic, icone e simboli dei suoi bersagli si susseguono sullo schermo.

E’ lo spot della Mercedes GLK.

Chi ha bisogno di feste comandate, regole azzeccate, gente intenta a fare su e giù per le vie del centro in preda a shopping compulsivo?” E ce n’è pure per i miti degli yuppie esterofili di casa nostra : conference call, social network, cocktail, vernissage, lounge music e acid jazz, sushi e brunch. Si fottano tutti: il futuro appartiene a chi ha il coraggio di essere differente. E che può sborsare 50.000 euro per un’auto che pare un carro funebre. Stesse strade, notturne, bagnate dalla pioggia e la voce pastosa dell’indimenticabile Ferruccio Amendola nel 1976 raccontavano il male di vivere di Taxi Driver, un giovane Robert De Niro già bravo in maniera quasi fastidosa.

E simile era pure la colonna di Bernard Herrmann che già aveva musicato capolavori di Hitchcock come “Vertigo-La donna che visse due volte” e “Psyco”

 

Ma se il taxi giallo guidato da De Niro scivolava nel buco nero di una New York da incubo e resta un cult, il suv della Mercedes è solo l’ennesima auto cool da fighetti. Io preferisco farmi una corsa nella malinconia dell’anima senza tassametro a bordo del primo. E voi?

Annunci

Navigazione articolo